Rete "Pro Patrimonio Montano":
pecora Ciuta - la piu piccola delle Alpi

 

 

Home
Attuale
Galline a cuffia
Gallina Tirolese
Allevamento
Partecipazione
Contatti

 

 

Altri progetti di
Pro Patrimonio Montano:

Suino nero delle Alpi

Pecora Ciuta

Mucca Bisa

  

Mantenimento della pecora Ciuta - La piu piccola delle Alpi!

La pecora Ciuta è stata mantenuta in una piccola valle laterale della Valtellina, dove vive durante quasi tutto l'anno tra pascoli e boschi. Il suo habitat è molto duro, su pascoli ripidi ad altezze che vanno dagli 800 ai 2700mt. di altitudine. Gli animali passano l'inverno (per due o tre mesi) foraggiati con un po' di fieno e foglie secche.

Ciò che risalta nella femmina della pecora Ciuta è la forma delle corna molto simile a quella delle capre, che si ritrova solo nelle primordiali razze, come la ormai estinta pecora di Tujetsch. La Ciuta, con la pecora Tujetsch dell'Oberland grigionese e la pecora Montafon del Vorarlberg, potrebbero essere discendenti della pecora torba (ovis aries palustris). Interessante è che tutte e tre le razze, indistintamente l'una dall'altra, vengono chiamate ognuna nella propria lingua locale 'Tschüt'. Le femmine di Ciuta pesano solo dai 30 ai 35 kg ed hanno un altezza al garrese che va dai 40 ai 45 cm, cosi che la possiamo ritenere la più piccola razza di pecora dell'arco Alpino. La lana è di bassa qualità e di poca produttività. A suo favore però è una pecora semplice da mantenere, resistente e di lunga durata.

 

Da oltre trent'anni gli allevatori e i contadini provano a incrociare la Ciuta con la pecora Bergamasca per renderla più produttiva ma senza successo. Ciò ha portato alla quasi scomparsa della Ciuta. Alla transumanza in autunno 2013 si potevano contare solo tre dozzine di Ciuta tra le oltre 500 pecore presenti. Con l'aiuto della veterinaria locale ci è stato possibile per Pro Patrimonio Montano di acquistare 25 pecore Ciuta e così formare quattro nuovi nuclei. Un pastore del posto partecipa al progetto del recupero in modo privato. Durante l'inverno si cercheranno pastori che non mandino le loro pecore sull'alpe dove ci sono differenti razze di pecore ed il rischio di incrocio.

 

Il progetto della pecora Ciuta avanza !

Dopo il gran successo della presentazione (con l'aiuto di ASL e APA) del progetto della Ciuta nel municipio di Valmasino il 3 Aprile, dove si interessavano numerose persone di questo progetto, in seguito eravamo anche contattati da tante persone direttamente interessati. Queste persone ci offrivano per parte ancora animali tipici a comprare, altri ci offrivano di partecipare con i propri animali ancora originali nel "Club-Ciuta" e ancora altri che ci offrono di allevare un gruppo nucleo. Ancora prima di pasqua abbiamo potuto fondere sette nuovi gruppi nuclei. Così abbiamo potuto raddoppiare gli animali nel proprio libro anagrafico di PPM e il numero di allevatori - inclusi cinque privati che partecipano al progetto - ora è aumentato per quasi quattro volte. Il registro anagrafico di Pro Patrimonio Montano ora include circa 60 propri animali. Gli animali dei titolari privati devono ancora essere valutati e inseriti.

 

Prospettiva

In Val Masino è ora un enorme entusiasmo per la conservazione delle Ciute. PPM erano già offerto l'uso di separati Alpi. In sette aziende agrituristiche le pecore può essere visto. Altri animali sono stati scoperti in Alto Lario, che sarà anche integrato nel progetto ora. Eppure c'è ancora una lunga strada da percorrere. Per la sicurezza a lungo termine la popolazione deve essere portata a più di 200 animali e almeno dieci linee maschi riproduttori.

 

Per informazioni aggiornate consultare:
www.facebook.com/patrimonio.montano (ci si può iscriversi)

=> Contiamo sul vostro aiuto !

Per i sostenitori e mecenati:

Tutti i partecipanti al progetto sono volontari. Tuttavia sempre piccole e grandi spese cadono. Siamo quindi lieti per ogni contributo. Questi sono deducibili dalle tasse in Svizzera e presto anche in Italia.

Grazie per il vostro contributo su uno dei seguenti conti bancari:

Rete alpina Pro Patrimonio Montano
9000 San Gallo, Svizzera

Swiss Postfinance, BIC: POFICHBEXXX
IBAN: CH41 0900 0000 8956 7476 4

Assoc. "PatriMont Valtellina e Valchiavenna"
Via Cà Berardi 35/A, 23010 Albosaggia (SO)
Mail:
patrimont.valtellina@gmail.com

Banca Popolare di Sondrio, Filiale Albosaggia
IBAN: IT92Q0569652390000040785X90
BIC: POSOIT22XXX (senza zero)
 

 

Capo progetto:

- Dirigente allevamento:

Marco Paganoni, +39-327 672 25 00
Via Cà Berardi 35, I-23010 Albosaggia (SO)
Mail:
marco.paganoni.80@gmail.com

- Segreteria:

Anna Guazzoni, Mail: info@lapedruscia.it
Agriturismo La Pedruscia, Loc. Pedruscin, 23010 Dazio (SO)

- Consulenti:

Dott.vet. Silvana Cerasa
ATS della Montagna, I-23017 Morbegno (SO)
Mail:
s.cerasa@ats-montagna.it

Hans-Peter Grunenfelder, MSc
Schneebergstr. 17, CH-9000 San Gallo (Svizzera)
Mail:
hape.grunenfelder@gmx.net