Rete "Pro Patrimonio Montano":
Allevamento della "Gallina Tirolese":
Attuale

 

 

Home
Attuale

Galline a cuffia
Gallina Tirolese
Allevamento
Partecipazione
Contatti

 

 

Altri progetti di
Pro Patrimonio Montano:

Suino nero delle Alpi

Pecora Ciuta

Mucca Bisa


Galline Tirolesi sempre aggiornati su Facebook

=> Se vuoi essere informato riguardo il continuo sviluppo dei polli Tirolesi, pecore Ciuta e maiali neri delle Alpi iscriviti alla pagina Facebook de Pro Patrimonio Montano: https://www.facebook.com/patrimonio.montano

________________________________________________________________

 

Presentiamo la bellezza Galline Tirolese


photo Hape Grunenfelder, St.Gallen CH

 

Decorazioni pasquali in Valtellina

La nostra veterinaria Silvana Cerasa ha nuovamente creato un'opera d'arte: un cestino di Pasqua di lana con diversi colori delle pecore Ciuta.

 

Febbraio 2017: La prossima generazione!


photo: Rainer Diewald, A-Rietz

 

Una stagione di successo 2016 per le galline tirolesi

Quest'anno, per la prima volta, potrebbe essere formato gruppi di riproduzione in colore cuculo. In fogliame autunnale appaiono ben mimetizzato (come nella foto).

 

Riunione Annuale 2016 di PatriMont a Brunico-Teodone (BZ)

La Rete Alpina Pro Patrimonio Montano è cresciuta rapidamente con i suoi progetti. Pertanto i passi necessari per l'ulteriore sviluppo sono stati discussi nel corso della riunione annuale. Ciò che riguarda i polli tirolesi:
- La nuova struttura regionale è stata confermata e ampliata
- La gestione del registro anagrafico sarà semplificata,
- Gli animali vengono ancora emesse solo all'interno della ex area di distribuzione (vede sezione "Partecipazione").

Il Museo degli usi e costume a Teodone in Val Pusteria, Alto Adige, che mostra quest'anno tutte le razze di bestiame autoctone in gruppi che vivono, ha dato l'incontro un'ottima cornice.

 

PatriMont-News Luglio 2016

I PatriMont-News Liglio 201 con tema principale Suino Nero delle Alpi - ma con interessanti contributi a la detenzione di galli in centre abitati e per combattere gli acari - sono publicati e possono essere scaricati qui:
PatriMont-News_2016-07.pdf

 

Gallina Tirolese in mostra alla 70° Fiera dell'agricoltura di Trento

La manifestazione ormai entrata nella storia della città di Trento è l'appuntamento di primavera per eccellenza. Si tratta di un evento radicato e atteso da cittadini, agricoltori e allevatori. Una vera e propria festa di primavera per i trentini. Sabato 19 e domenica 20 marzo 2016 presso i padiglioni di Trento Fiere di via Briamasco sono stati accolti più di 33 mila visitatori. Grazie all'associazione Avicoltori Trentini abbiamo potuto allestire uno spazio apposito per presentare al pubblico trentino, insieme a molte razze di pregio, anche la nostra Gallina Tirolese.

Il pubblico ha dimostrato molto interesse e ci sono state poste molte domande, sia riguardo al progetto di recupero della razza, che riguardo alle caratteristiche stesse delle galline tirolesi. In due giorni di esposizione abbiamo cercato di far conoscere il valore della razza. I colori, il ciuffo e l'armonia morfologica sono stati molto apprezzati, come le caratteristiche di frugalità e docilità che i soggetti esposti hanno saputo trasmettere.

 

PatriMont-News Dicembre 2015

Il PatriMont-News Dicembre 2015 sono pubblicato e può essere scaricato qui:
PatriMont-News_2015-12.pdf

 

Regionalizzazione dell'allevamento della Gallina Tirolese

Con 374 Galline Tirolesi (318 animali da allevamento & 56 animali da riserva) in 66 gruppi da allevamento in 4 paesi, l'allevamento ha raggiunto un livello in cui la valutazione morfologica e l'inanellamento degli esemplari nonché le cure prestate dagli allevatori devono essere distribuiti tra molte persone. Si è proceduto perciò durante l'estate a formare allevatrici e allevatori interessati ed ora questi vengono impiegati come assistenti regionali. Come mostra la carta, si possono attualmente coprire 14 regioni. Nomi e contatti sono scaricabili al seguente sito web Contatti

per allargare cliccate sulla mappa

 

Controllo sulla produzione di uova

Per tutto il periodo di deposizione delle uova nel 2015 in un'azienda della Svizzera è stata messa a protocollo la produzione giornaliera di uova delle Galline Tirolesi. 5 galline hanno deposto in questo periodo 969 uova, il ché corrisponde ad una produzione media di 194 uova a gallina. Il periodo principale della loro deposizione è stato tra Marzo e Agosto. Sono state governate con mangimi biologici di uso comune in commercio (farine per galline ovaiole e granaglie, UFA Landi) senza altre aggiunte. Gli animali sono stati liberi di razzolare e hanno potuto ingerire nei prati e nel sottobosco altre gradevoli sostanze nutritive.

 

Numero di capi alla fine de 2015

Paese
Numero di animali
Gruppi di allevamento

Austria

74 riproduzione
16

Germania

31 riproduzione
4

Italia

118 riproduzione
20 di riserve
20

Svizzera

95 riproduzione
36 di riserve
30
totalmente
374 animali
66

 

Elezione di Miss gallina e Mister gallo Tirolese in Svizzera

In Svizzera si è pensato di eleggere le più belle galline e i più bei galli tirolesi. La proposta ha trovato il sostegno degli organizzatori degli allevamenti, poiché avrebbe aiutato a rispondere alla domanda in quale direzione si desidera andare con l'allevamento. Hanno vinto animali brizzolati e a pois, oro su argento. Ma il risultato della votazione non deve essere la misura di ogni cosa. Noi continuiamo a volere un equilibrato "mix di fattorie", anche se poi oltre a ciò vengono particolarmente promossi i colori nero (per le aree montane) ed eventualmente il "brizzolato".
(vincitore sempre a sinistra, secondo a destra)

 

Richiesta di prenotazione per l'acquisto di gruppi per l'allevamento nel 2015

Come già comunicato lo scorso anno, mettiamo ancora a cova solo su ordinazione: Verranno messi a cova e allevati solo così tanti animali quanti possono essere consegnati in autunno secondo la valutazione genetica . Le ordinazioni devono perciò essere effettuate in primavera.

Chi nell'estate-autunno 2015 vuole prendere in consegna un nuovo gruppo per l'allevamento della Gallina Tirolese (gallo con 3-5 galline), oppure vuole sostituirne uno vecchio, deve render noto il suo interesse il prima possibile indicando recapito completo, telefono ed e-mail all'indirizzo: k.kusstatscher@trifolium.net

Consegna solo nell'area di diffusione originaria (cfr. carta geografica). => Gallina Tirolese 2015

 

PatriMont-News

Il PatriMont-News novembre 2014 sono pubblicato e può essere scaricato qui:
Patrimont-News 2014-11.pdf

 

Novembre 2014: Piccolo evento!

Come pubblicato il 20 maggio, abbiamo trovato - grazie a un accenno di colleghi interessati - in una zona remota della valle Sarentino in Alto Adige eventuali resti dei polli tirolesi. Come mostrano le foto della progenie rimasta, tutti i discendenti hanno un aspetto identico. Ciò è una prova del fatto che gli animali rinvenuti nella Val Sarentino non sono casuali prodotti d'incrocio, bensì forse gli ultimi esemplari di quella razza. Continuiamo a seguire la vicenda!

 

=> Assistenza cercato al studio sulla deposizione delle uova

La caratterizzazione della Gallina Tirolese è ampiamente conclusa (vedere "Allevamento"). Tuttavia vorremmo prendere ancora in considerazione la deposizione delle uova e cerchiamo perciò allevatori che registrano il numero di uova del loro gruppo per tutto il periodo della deposizione, mettono per iscritto come lo nutrono e che tipo di eventi hanno influito sulla prestazione. Gli allevatori sono pregati di mettersi in contatto con
- Kurt Kusstatscher, Bolzano: k.kusstatscher@trifolium.net o
- Hape Grunenfelder, St.Gallen:
hape.grunenfelder@gmx.net.

 

Riconoscimento di pollo tirolese in Italia

Con Decreto Ministeriale n. 19536 del 01.10.2014 il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf) ha istituito il "Registro Anagrafico delle razze avicole autoctone" affidandone la gestione all'Associazione Italiana Allevatori. Ivi i polli tirolesi sono considerati ora come una razza di pollo riconosciuto dallo Stato.
Web: http://www.aia.it/CMSContent/Documents/downloads/Standard%20Specie%20Pollo.pdf

 

 

Maggio 2014: Ritrovamento in una valle laterale della Val Sarentino

Colleghi interessati ci indicarono in autunno dell'anno scorso la presenza di galline speciali nella Val Sarentino in Provincia di Bolzano. A un maso fuori mano a oltre 1500m slm incontravamo un gruppo di galline, che assomigliavano alle galline tirolesi originali. Come ci fù detto, queste galline erano già da sempre al maso. Se però sono relitti della vecchia popolazione Tirolese si mostrerà in futuro.

Abbiamo potuto scambiare tutto il gruppo con un gruppo di Neo-Tirolesi. L'allevamento futuro dimostrerà se i discendenti saranno uniforme o non. Nel caso 2° si tratterà di un incrocio casuale di razze simili, in caso 1° sarebbe una sensazione. Siamo curiosi e speriamo che questi animali già anziani ci offrono ancora dei pulcini.

 

Dicembre 2013

La Rete delle Razze Alpine si ha dato un nuovo nome e si chiamerà adesso "Pro Patrimonio Montano"
Col nuovo impegno, mantenimento della
pecora Ciuta e il ripristino del Maiale nero delle Alpi si spostò la zona di attività del gruppo dal Tirolo (I e A), parte occidentale dell' Austria e parte orientale della Svizzera verso il Trentino e la Valtellina, cioè dalla zona di lingua tedesca alla zona di lingua italiana. Fine 2013 è stato deciso di chiamare la rete in futuro con un nome latino, comprensibile in più lingue e corretto anche in italiano. Per la comunicazione, il nome sarà accompagnato da un allegato nelle lingue it/de/en.

 

Autunno 2013: Subentro di ulteriori aree di allevamento

Fine maggio 2013 il Dott. Alessio Zanon dall'Università veterinaria di Parma ed esperto di maiali di RARE, organizzazione per il mantenimento di animali domestici in estinzione, sottopone all'attenzione di un ultimo gruppo di piccoli maiali neri valtellinesi che sono sopravvissuti in una fattoria didattica, e che scompariranno fra poco. Lui chiese di prendere provvedimenti tempestivi per la loro conservazione. La consapevolezza che una razza si estingue anteprima che muoiono gli ultimi animali, la "Rete delle Razze Alpine" - che, tra l'altro, sovrintende i polli tirolesi - ad assumere gli ultimi esemplari per sviluppare un nuovo allevamento.

Nel contesto del progetto salvaguardia del Suino nero delle Alpi e attraverso il contatto con gli uffici veterinari ASL e dell' APA della Valtellina, risultava inaspettatamente anche l'occasione di trovare in Val Masino la piccola pecora Ciuta, negli ultimi anni inutilmente cercata. Grazie alla collaborazione dell' ASL era possibile di comprare due dozzine di animali per un nuovo allevamento nucleo.

 

2 Giugno 2013

Questa sera è stata la Bayerische Rundfunk uno show televisivo su vecchie razze di polli nelle Alpi. In un film di 43 minuti sarà discusso Sulmtaler, Altsteirer, galline tirolese e Appenzeller Spitzhauben. Il video documentario sulle antiche razze di galline alpine - in tedesco! - lo trovate qui: : http://tinyurl.com/n4mwvhv

 

 

Primavera 2013

Giusto in tempo per la Pasqua, il Tirolerhuhn-News Primavera 2013 sono terminate (purtroppo solo in tedesco). Hai portato una relazione tra l'esperienza del classe, una prospettiva storica sulla diffusione dei polli cappuccio nelle Alpi centrali e orientali, e altri messaggi brevi. Siamo inoltre lieti che il famoso zoo per bambini a Rapperswil (Svizzera) ha preso un "kid friendly" gruppo Nuovo-Tirolese e vuole sostenere il progetto del pollo Tirolese vigorosamente. Con le seguenti foto dell'Alto Adige, auguriamo a tutti una Buona Pasqua!

 

Fiera della Gallina Polverara

Il 8 / 9 dicembre alcuni esponenti del Gruppo di lavoro per la ricostituzione della "Gallina Tirolese" visitava la "Fiera e Festa della Gallina Polverara", proprio a Polverara presso Padova. Purtroppo solo alcuni degli allevatori della Gallina Polverara rimasti, in tutto ca. una dozzina, presentavano le loro galline. Molto interessante erano però dappertutto i colloqui con Francesco Pianta ed altri allevatori. Grazie alla mediazione del nostro ospitante Andrea Mangoni ci era possibile di incontrare il 84enne Bruno Rossetto, che dal 1954 permetteva la sopravivenza degli ultimi animali della gallina Polverara. Rossetto infine ha offerto un bel gallo con testa rosso-fuoco dal suo ceppo. Questo proviene da una linea genetica che nel progetto della ricostituzione della gallina Tirolese fin ora non era ancora presente e che quindi aiuto arrichire a variabilità genetica. Alla fine della escursione era ancora possibile di fare una visita del dipinto più vecchio della gallina Polverara dal 1397 nella chiesetta San Michele Arcangelo a Padova.

Inverno 2012

In quest'anno abbiamo potuto distribuire più di una dozzina di ceppi. Purtroppo non abbiamo potuto soddisfare tutti gli interessati. Il gruppo di lavoro perciò tiene una lista d'attesa e spera di aver a disposizione più ceppi nell' autunno del 2013. Le persone di contatto sono a Vostra disposizione per ulteriori informazioni.

Per tenere informati gli allevatori e gli interessati sui successi del progetto e di favorire la comunicazione reciproca abbiamo creato i "Tirolerhuhn-News", che verranno distribuiti via eMail da 2 a 3 volte all' anno (ordine Abo qui). Questo Newsletter non è concipito come un "senso unico", ma vorrebbe motivare a comunicare ulteriori segnalazioni e incentivi.

Il "Tirolerhuhn-News" del novembre 2012 è caricabile qui (News-12-11.pdf). Questo contiene una retrospettiva dell' anno di allevamento 2012 e una prospettiva per il prossimo anno di cova.  

 

Autunno 2012

In Svizzera la formazione dei ceppi è conclusa, a Bolzano ancora in corso. Abbiamo scelto per l'allevamento in Svizzera e a Bolzano consapevole due strategie differenti: in Svizzera l'accoppiamento era programmato, invece a Bolzano avevamo scelto l'accoppiamento a caso. L'analisi dei risultati sarà emozionante …

Apprezziamo le galline Neo-Tirolesi - a parte dal loro aspetto originario - per la mancanza quasi completa di aggressività e che per questo motivo sono molto adatti anche per bambini. Speriamo che questo resti così anche nelle generazioni future.

 

Estate 2012:

In fine d'estate-autunno 2012 è da allargare la base per l'allevamento. Nuovi ceppi di animali giovani del 2012 saranno distribuiti a posti adeguati. Chi è interessato di partecipare al progetto e di assumere un ceppo contatta una delle persone elencate Contatti.

=> Attenzione: con la distribuzione di ceppi della Gallina Neo-Tirolese NON vogliamo entrare in concorrenza con razze in via di estinzione! Noi stiamo attenti che p.e. non vengono sostituite ceppi della Gallina Polverara o della Gallina Boffa con le Galline Neo-Tirolesi.

  

Primavera 2012

Eccola qua, la 2° generazione!
Da una dozzina di covate sono nati 220 pulcini Neo-Tirolesi.